• Giornata mondiale delle zone umide

    All’ Acquatina in bicicletta Il 2 febbraio è la Giornata mondiale delle zone umide, ricorrenza del giorno in cui, nel 1971, è stata firmata la Convenzione di Ramsar: un accordo internazionale che da allora ha permesso di identificare le più importanti aree umide del mondo. Per ricordare l’urgenza di difendere laghi, lagune, corsi d’acqua e il ruolo importante che le zone umide svolgono nel mondo, domenica 2 febbraio 2020, i Cicloamici di FIAB Lecce, attraverso le tranquille strade della Riforma Fondiaria pedaleranno in direzione della marina di Frigole per visitare l’ Acquatina, dove saremo accompagnati da un esperto naturalista dell’ Università

    [Leggi il resto...]
  • Pedali nella Notte: Borghi & Boschi – Acaya e il bosco “li Lei”

    domenica 14 luglio 2013 Sarà la prima escursione a tema “Borghi e Boschi” in notturna e avrà come meta il bosco “li Lei” situato nell’agro di Lizzanello. Il bosco, il cui nome deriva dall’omonima masseria adiacente, è una fitta lecceta spontanea in cui i Cicloamici Lecce, armati di torce elettriche, andranno alla ricerca di tassi. Lasciato il bosco pedaleremo lungo un percorso inedito molto suggestivo, tra maestosi e antichi alberi d’ulivo tipici della zona Visciglito, verso l’incantevole Borgo di Acaya, una delle sette frazioni di Vernole. ll borgo fu edificato dall’architetto militare Giangiacomo dell’Acaya che fortificò il villaggio già denominato

    [Leggi il resto...]
  • Borgo Piave e il “Bosco di Cervalora” 24 febbraio 2013

    Causa maltempo l’escursione è annullata. La prima escursione a tema “Borghi & Boschi” del 2013 avrà come meta il “Bosco di Cervarola” situato nei pressi di Frigole. Il bosco, il cui nome deriva dall’omonima masseria adiacente, è una fitta lecceta spontanea (Quercus ilex) che si estende per circa 20 ettari in un’area dichiarata di importanza comunitaria (SIC). Come le altre piccole isole naturalistiche del “Bosco Monacelli”, “Rauccio” e “li Lei” è un residuo della vasta Foresta di Lecce che a partire dal ‘700 fu abbattuta per favorire la coltivazione dell’ulivo. Giungeremo al bosco passando per Borgo Piave, un villaggio rurale

    [Leggi il resto...]