Da Roca Nuova a Roca Vecchia

Tra le campagne di ulivi e i muretti a secco il percorso ci conduce verso il litorale Adriatico in una delle Marine di Melendugno.
Come un viaggio nel tempo si pedala dal “villaggio fantasma” di Roca Nuova ai ruderi di Roca Vecchia, percorrendo in pochi chilometri secoli di storia, miti e leggende di popoli.
I resti di Roca Nuova sono riconducibili ad un insediamento rurale fondato nel XVI secolo; nel 1544 il governatore di Lecce Ferrante Loffedro, ordinò la distruzione e relativo smantellamento delle strutture difensive di Roca Vecchia.
In seguito a tale ordine, una parte degli abitanti si trasferì nell’interno a costituire il villaggio di Roca Nuova, mentre altri si dispersero nei paesi vicini.
Il piccolo insediamento che arrivò a contare circa 500 abitanti nel periodo di massimo sviluppo (XVIII secolo) rimase abitato fino agli inizi del 1900.
Terminata la visita si riprende la strada verso il mare in direzione della cittadella fortificata di Roca Vecchia, sede di importanti scavi archeologici dove si possono trovare resti di pozzi, cisterne e mura di abitazioni risalenti all’età messapica.
Prima del rientro un tuffo rigenerante nelle acque cristalline della grotta della Poesia, una delle piscine naturali di Roca e passaggio obbligato dal bar Dentoni sul lungomare di San Foca per gustare un delizioso gelato.

La pedalata, con partenza da Lecce, prevede tre fermate: Strudà, Vernole e Melendugno.
Durante le soste programmate i Cicloamici di FIAB Lecce raccoglieranno tutti coloro che vorranno partecipare alla ciclo-escursione, stringendo una sorta di gemellaggio sul tema comune della mobilità

Ritrovo: ore 8.30 – Lecce Piazza Sant’Oronzo – domenica 18 settembre 2016
Partenza: ore 8.45
Arrivo a Strudà: ore 9.45 – (incrocio via Mameli e via Piave)
Arrrivo a Vernole: ore 10.30 (Piazza Vittorio Veneto)
Arrivo a Melendugno: ore 11.15 (Piazza Risorgimento)
Percorso Totale da Lecce: A/R km 60 circa
Rientro a Lecce: ore 16.30 circa
Difficoltà: media. L’itinerario si svolge prevalentemente su strade asfaltate a scarso traffico automobilistico con qualche tratto di sterrato
Bici consigliate: qualsiasi tipo purchè efficienti.
Dotazioni standard: pranzo al sacco, acqua, accessori antiforatura, camere d’aria di ricambio, pompa ed eventuale chiave di smontaggio dell’asse ruota, costume da bagno e crema solare
Quota d’iscrizione: 2 € ai fini assicurativi (solo i non soci)
Info & Capogruppo: Dario Russo (darioangelo.russo@libero.it) – 347.0636857

Comment is closed.