Il Leccio la Lizza dei Briganti

24 novembre 2019
I Matusalemme del Salento
 

Si celebra giovedì 21 novembre la Giornata nazionale degli alberi, istituita dal ministero dell’Ambiente con l’obiettivo di promuovere la tutela dell’ambiente, la riduzione dell’inquinamento e la valorizzazione degli alberi in città.
In occasione di questo importante evento, domenica 24 novembre, i Cicloamici di FIAB Lecce pedaleranno in agro di Lizzanello per ammirare un gigantesco leccio (Quercus Ilex) soprannominato “Lizza te lu Motta”, il leccio del Motta, dal cognome dell’originario proprietario del fondo agrario.
La quercia, un autentico “matusalemme verde“, è cresciuta isolata dal bosco e sopravvive da più di trecento anni solo perché posta sul confine di due fondi agricoli, per cui non ha costituito intralcio alle coltivazioni circostanti.
E’ un albero magnifico che emoziona ed incanta per la sua maestosità con il suo tronco di ben mt 4 di circonferenza, la chioma di mt 22 di diametro e con i rami che sfiorando il terreno, formano un’enorme capanna vegetale.
In paese è meglio conosciuto come la “Lizza dei Briganti” perché durante il regno dei Borboni probabilmente offriva rifugio a bande di malviventi.
Dopo aver ammirato la splendida quercia, proseguiremo verso Strudà per una breve sosta ristoratrice e fare rientro a Lecce passando per Merine.

Ritrovo: ore 8.45 presso il Circolo Tennis di Porta Napoli
Partenza: ore 9.00
Rientro: ore 12.45 circa
Percorso: A/R km 25
Difficoltà: bassa. L’itinerario si svolge prevalentemente su strade asfaltate con scarso traffico automobilistico
Bici consigliate: qualsiasi tipo purchè efficienti.
Dotazioni obbligatorie: accessori antiforatura, camere d’aria di ricambio, pompa ed eventuale chiave di smontaggio dell’asse ruota.
Info & Capogruppo:  Dario Russo (cicloamici.lecce@gmail.com) – 347.0636857

 
Ti aspettiamo!!! Sarà l’occasione per rinnovare la tessera FIAB o iscriverti per la prima volta  
 
Nel caso di condizioni meteo particolarmente avverse, la pedalata sarà annullata

Comment is closed.