• in MTB verso San Foca

    Escursione naturalistica in MTB (Fondone-Acaya-Torre Specchia-Cesine) Domenica 25 febbraio secondo appuntamento dedicato agli amanti della mountain bike. Si pedala in un dedalo di single-track che si snodano tra i fitti canneti della riserva naturale “Le Cesine”, la macchia mediterranea e la scogliera di Torre Specchia. Il percorso è impegnativo per le molte asperità del terreno che richiedono destrezza e abilità tecnica. Si parte da Lecce in direzione della marina di “San Cataldo”, imboccando la strada del campo volo “Fondone” si raggiunge la pista dell’aeroporto Lecce-Lepore dal suo lato interno. Si prosegue verso il borgo di Acaya per poi giungere a

    [Leggi il resto...]
  • Over the TAP – 1a tappa San Foca-Melendugno

    I Cicloamici FIAB Lecce percorreranno idealmente il percorso che il gasdotto interrato dovrebbe realizzarsi da San Foca a Melendugno, cercando di valutare l’inevitabile impatto ambientale che lo scavo comporterà con l’estirpamento di ulivi secolari e la demolizioni di muretti a secco. Ascolteremo gli abitanti della marina “Bandiera Blu” e del suo Comune in cui si dovrebbe realizzare il degassificatore, terminal del mega progetto Trans Adriatic Pipeline, infrastruttura di indiscutibile importanza strategica per la Nazione, ma che avrà un effetto devastante per il territorio salentino, da San Foca fino a Brindisi, passando per Lecce. . Le foto del pregita . Over the TAP – 1a tappa San Foca-Melendugno (foto

    [Leggi il resto...]
  • Villaggi Fantasma: Roca Nuova

    Escursione di interesse storico artistico  Villaggi Fantasma: Roca Nuova  Domenica 6 aprile 2014 Il programma prevede una pedalata di circa 2 ore e mezzo in un dedalo di stradine tra uliveti e muri a secco fino al villaggio disabitato di Roca Nuova, un insediamento rurale situato nell’entroterra tra Melendugno e Torre Dell’Orso. L’abitato fu edificato verso la fine del ‘500 per ospitare parte della popolazione proveniente da Roca Vecchia, l’antico casale fortificato posto lungo la costa che venne distrutto per ordine del Re di Spagna affinché non fosse conquistato dai pirati saraceni. Roca Nuova arrivò a contare fino a 500

    [Leggi il resto...]